Non-league football: Weston-Super-Mare F.C.

Weston-super-Mare_AFC_logoWeston Super Mare Association Football Club
Anno di fondazione: 1887
Nickname: the Seagulls
Stadio: Woodspring Stadium, Weston-super-Mare, Somerset
Capacità: 3.500

Nuovo appuntamento con la storia dei club di non-league, una rubrica che amiamo particolarmente perchè ci consente non solo di scoprire squadre sconosciute ai più, ma anche cittadine e paesi dell’Inghilterra. Oggi siamo a Weston-super-Mare, nome curioso e latineggiante di una città di 71.000 abitanti nella contea del Somerset. Se il nome non inganna, e non inganna, la città si affaccia sul mare, e precisamente sul Bristol Channel che altro non è che l’insenatura tra sud-ovest inglese e Galles. Secondo l’amata amministrazione inglese (pian piano ce ne stiamo affezionando) Weston è town e civil parish all’interno dell’unitary authority of North Somerset, oltre ad essere uno dei seaside resort più famosi del Paese (il più famoso è certamente Blackpool), che fanno del turismo la principale attività economica della città. Famoso è il molo (“Grand Pier”), che se ve lo immaginate come il classico molo notevolmente rialzato con tanto di costruzione su di esso avete azzeccato in pieno, perchè proprio così è costruito. Quest’introduzione ci serve, visto che alla resa di conti di calcio parliamo, a presentare la squadra locale, che attualmente milita in Conference South, il sesto livello della piramide. Andiamo dunque a conoscere i Seagulls, soprannome quasi obbligatorio per una squadra di una città di mare.

Il Weston-super-Mare FC (la cui classica divisa è bianca con pantaloncini neri) venne fondato nel 1887, quando i giocatori del Weston Aircraft suggerirono ai superiori che a parer loro una squadra che portasse il nome della città sarebbe stata una buona idea. Ted Recardo, che guidava la squadra, informò dell’iniziativa George Cooper, membro del locale council, che entusiasticamente approvò l’idea dandò il via alla storia del nuovo club. Il primo impianto il Locking Road Ground: i giocatori si dovevano però cambiare in un vicino garage, dando alla vicenda un tocco di “che tempi!” che non guasta mai. La prima partita venne invece disputata, su iniziativa della Somerset Football Association, contro i vicini del Clevedon Town, e venne persa 1-2. La vendetta arrivò solo anni dopo, ma in grande stile: nel 1911 il Weston sconfisse 3-0 il Clevedon e si aggiudicò la Weston Charity Cup; due anni dopo giunse terzo nella Bristol Charity League, alle spalle di Bath City e Bristol Rovers riserve. Bristol divenne, come è inevitabile se avete ben chiara la cartina di tale zona d’Inghilterra, il punto di riferimento, e il club partecipava dunque alle leghe che della città portavano il nome. La Bristol & District League ad esempio, dove nel 1922/23 giunsero secondi alle spalle del Bristol Leather Trades; vinsero però nello stesso anno la Bristol Charity Cup, sconfiggendo naturalmente il Clevedon in finale.

Nel 1927 arrivò la vittoria in Somerset Senior Cup, giocando la partita contro il Paulton Rovers in 9 perchè, e qui la cosa si fa meravigliosa, due giocatori del club ricevettero un telegramma finto che li avvisava che la partita era stata sospesa!!! Fantastico, soprattutto perchè il Weston vinse per 3-2 e si aggiudicò il trofeo. Sempre nel 1927 persero la Clevedon Charity Cup, contro chi nemmeno ve lo diciamo ormai perchè è chiaro a tutti. 12 pence era la paga dei giocatori in questo periodo, e questo è altro particolare sfizioso. Purtroppo la Seconda Guerra Mondiale, con i suoi sconvolgimenti, colpì durante il club, che semplicemente…sparì. Bisognerà aspettare il 1948, quando le autorità cittadine diedero una spinta decisiva alla ri-fondazione del club, che ritornava così a giocare le sue partite interne a Locking Road, “the Great Ground”. Venne eletto nella Western League Division Two, da cui ripartì per una scalata che oggi l’ha portato a due passi dalla Football League. Sostanzialmente però nei primi anni rimase, tra alti e bassi, in division two, e l’unica cosa di interesse da sottolineare è il trasferimento, nel 1955, a Langford Road Ground. Con la creazione della Western League Premier Division, il club ottenne la promozione, pur non avendola mai conquistata sul campo…

Da metà anni ’70 in poi si aprì un periodo di successi per il club: cinque Western Senior Cup, una coppa di lega, un secondo posto in campionato, successi ottenuti sotto la guida del manager Kim Book e del suo successore, Dave Stone. Nel 1983/84 il club si trasfer’ a Woodspring Park (da non confondere con l’impianto attuale), stadio la cui costruzione fu supportata dai tifosi stessi. Proprio nel 1984 Harry Thomas divenne manager del “suo” club, visto che da giocatore indossò la casacca del Weston più di 700 volte. Thomas precedette in ordine temporale sulla panchina dei Seagulls John Ellener, il quale nel 1991/92 vinse la Western League ottenendo così la promozione in Southern League Midland, la prima promozione ottenuta dalla squadra sul campo. Per un decennio la squadra giocò nella division (che cambiò nome diverse volte in base alle riorganizzazione della lega) fino al 2002/03 quando il secondo posto finale aprì le porte della Southern League Premier (la promozione venne conquistata con una vittoria 1-0 sul campo del? Esatto, Clevedon). La prima stagione in Premier vide il club terminare al decimo posto, che con la creazione della Conference South significava l’accesso dei Seagulls al nuovo campionato: un’altra promozione ottenuta per vicende extracampo. Nel 2003/04 inoltre i Seagulls arrivarono al secondo turno di FA Cup, perdendo 1-4 in quel di Northampton.

Ad oggi il club gioca ancora in Conference South, nonostante per ben tre volte (2007, 2008 e 2010) il piazzamento finale avrebbe dovuto significare retrocessione in tali occasioni il Weston venne ripescato: nel 2007 a causa del fallimento del Farnborough Town e dell’unione di Hayes FC e Yeading FC, nel 2008 a causa dell’esclusione del Cambridge City, che non superò il controllo degli standard dello stadio. Ora, questo ci fornisce finalmente l’assist per dire qual è il vero motivo di vanto del Weston Super Mare AFC:  nella sua storia, il club non è mai retrocesso. Con un po’ di fortuna, certo, viste le occasioni appena citate, ma è indubbio che un tale evento non può che essere orgoglio del club e dei suoi tifosi, che dal 2004 hanno un nuovo stadio, il Woodspring Stadium: il nome simile a quello del precedente impianto è dovuto alla collocazione prossima tra i due, oltre che a un motivo di continuità. Lasciamo dunque Weston-super-Mare, augurando al club di poter ancora vantare per anni tale record. Alla prossima puntata!

Trofei

  • Western League Champions: 1991/92
  • Western Challenge Cup: 1976/77
  • Western Merit Cup: 1976/77, 1977/78
  • Western Senior Cup: 1971/72, 1972/73, 1973/74, 1974/75, 1975/76, 1977/78

Contatti

Sito Ufficiale: www.weston-s-mareafc.co.uk
Twitter: @WestonSMareFC

 

One thought on “Non-league football: Weston-Super-Mare F.C.

  1. Pingback: Footballshire: il calcio nelle contee inglesi. Nona puntata | English Football Station

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...