Viaggio nella Nottingham del calcio: parte prima, Notts County

Notts County Football Club
Anno di fondazione: 1862
Nickname: the Magpies
Stadio: Meadow Lane, Nottingham NG2
Capacità: 20.300

“The opening of the Nottingham Football Club commenced on Tuesday last at Cremorne Gardens. A side was chosen by W.Arkwright and Chas. Deakin. A very spirited game resulted in the latter scoring two goals and two rouges against one and one”

Così il Nottingham Guardian riportava il 28 Novembre 1862. Un anno prima dell’istituzione della Football Association (1863) nella città del Nottinghamshire prendeva vita una squadra di calcio, che col tempo sarebbe diventata Notts County FC; disputava in un primo tempo le sue partite contro altre formazioni locali, almeno fino al 1864, quando il Notts FC venne ufficialmente fondato all’hotel George IV di Nottingham e si decise di giocare partite anche al di fuori della ristretta cerchia delle squadre geograficamente vicine. Il primo impianto utilizzato dal club fu Park Hollow, terreno del celeberrimo castello di Nottingham che ospita, nella leggenda, lo scontro finale tra Robin Hood e lo Sceriffo di Nottingham. Il club come altri alle origini era un club di “gentlemen only”; solo che il concetto venne portato un tantino all’estremo, al punto che il Notts si guadagnò la fama di club “snob” nell’area di Nottingham, e il fatto di aver rifiutato una partita contro il Forest nel 1877 non aiutò certo questa fama (che per certi versi però denotava anche l’importanza del club nella percezione degli altri). Nello stesso anno il club si trasferì da the Meadows (vi si era stabilito nel frattempo) al “Gentlemen of Nottinghamshire Cricket Club”, a Beeston, per poi nel 1883 prendere casa al Trent Bridge Cricket Ground.

Ma il peregrinare tra gli impianti cittadini continuò: Castle Cricket Ground, Nottingham Forest Town Ground, City Ground. Quella squadra, che negli anni ’80 dell’800 aveva una reputazione invidiabile e diversi giocatori in Nazionale (uno anche nella prima partita di sempre della Nazionale, Inghilterra-Scozia, il capitano Ernest Greenhaig), faticava a trovare una dimora stabile. Dimora stabile che verrà trovata nel 1910, in un angolo tra il fiume Leen e il Trent di cui è imissario: Meadow Lane. Ma questa è altra storia; torniamo invece agli anni ’80 del XIX Secolo, quando il Notts County come detto era tra le più prestigiose squadre inglesi e quando, nel 1888, fu tra i membri fondatori della Football League, di cui farà parte ininterrottamente fino ai giorni nostri (record del calcio inglese condiviso con il Preston North End). Arrivarono terzi nel 1890/91, stagione nella quale il Notts County disputò anche la sua prima finale di FA Cup, persa però al The Oval contro il Blackburn Rovers (1-3, dopo che il County aveva sconfitto i Rovers 7-1 una settimana prima in campionato). Retrocesso nel 1893, l’anno successivo il Notts County alzò al cielo di Goodison Park la FA Cup, prima volta di un club non di massima serie (d’altronde la Second Division era stata inaugurata solo due stagioni prima): 4-1 al Bolton Wanderers con tripletta di Jimmy Logan.

Apriamo una piccola parentesi dedicata ai colori sociali e quindi alle divise, che ci porterà anche in Italia. Colori originali del club l’arancione e il nero, dapprima in una maglia a righine orrizzontali (che è stata riproposta quest’anno come away kit per celebrare i 150 anni), in seguito con una maglia totalmente arancio con risvolti neri. Questo fino al 1880, quando venne adottata una maglia a due metà, una azzurra, l’altra marrone (chocolate & blue) che durerà una decina d’anni: nel 1890 sarà infatti finalmente la volta del bianco-nero, che rimarranno i colori ufficiali del Notts County fino ad oggi. E qui si inserisce il discorso italiano. Nel 1903 la Juventus, in cerca di nuove divise con cui sostituire quelle rosa originarie, si rivolse al suo giocatore inglese John Savage chiedendogli se avesse qualche contatto in madrepatria che potesse fornire uno stock di magliette; il nostro aveva un amico a Nottingham, tifoso del Notts County, che provvedette a inviargli una fornitura di magliette a strisce bianco-nere, il che ci fa sorridere pensando al fatto che, se il Notts non avesse cambiato colori, la Juventus avrebbe potuto trovarsi a giocare in chocolate & blue. Fattostà che da allora si è instaurato un rapporto di simpatia da parte dei tifosi del Notts County verso il (col tempo) più famoso club torinese, tant’è che quando i Magpies vincono i tifosi son soliti cantare “it’s just like watching Juve“; rapporto migliorato ulteriormente dopo l’amichevole del 2011 con cui la Juventus ha inaugurato il suo nuovo stadio.

Chiusa la parentesi, torniamo alla storia del club. Nel 1926 il Notts County retrocesse dalla First Division: per mezzo secolo, il club non avrebbe più visto la luce della massima serie. E’ un periodo avaro di soddisfazioni per la squadra, che prima dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale precipiterà addirittura in Third Division. La guerra tra le altre disgrazie portò anche al bombardamento di Meadow Lane, che però fu agibile alla ripresa delle competizioni ufficiali, con il Notts County che ripartì da dove aveva lasciato, la terza serie. Nonostante ciò, il club mise a segno uno dei colpi di mercato più clamorosi della storia del calcio inglese: il talentuoso Tommy Lawton del Chelsea, al picco della sua carriera, che accettò il trasferimento in Third Division con i Blues che incassarono la cifra record di 20.000 sterline. Lawton portò con se circa 10.000 tifosi: nel vero senso della parola, l’arrivo del giocatore coincise con un netto aumento della media spettatori a Meadow Lane. Il County vinse la Third Division nel 1950 dopo un’acerrima lotta con i rivali cittadini del Forest, conquistando la Division Two per la stagione 1950/51, che fu anche l’ultima volta che il Notts County giocò in una divisione superiore a quella del Nottingham Forest (al massimo i due club si troveranno nella stessa divisione). Gli anni ’50 si chiusero con il club nuovamente in terza serie; sprofonderà addirittura nei bassifondi della quarta divisione.

L’anno della svolta fu il 1969. Dopo il periodo trascorso a pregare di non finire in fondo alla Fourth Division e a pregare per le finanze del club, il nuovo proprietario, il deputato laburista Jack Dunnett (che fu anche presidente del Brentford e della Football League), nominò manager un ex mediocre giocatore scozzese del Celtic, Jimmy Sirrel. Sirrel (uno dei manager più sottovalutati della storia del calcio inglese) condurrà il Notts County a due promozioni, dalla Fourth alla Third e dalla Third alla Second, per poi lasciare in direzione Sheffield United nel 1975; ma due anni dopo tornò in sella a Meadow Lane, completando il capolavoro al termine della stagione 1981, quando una vittoria esterna sul campo del Chelsea regalò ai Magpies il ritorno in First Division dopo 55 lunghi anni. Sirrel divenne così uno dei quattro manager nella storia ad aver portato una squadra dalla quarta alla massima serie. Il coronamento di quella rincorsa fu la partita inaugurale della stagione 1981/82, Aston Villa campione in carica che ospitava al Villa Park proprio il County: parata, celebrazioni, poi la sorpresa, quelle emozioni che il calcio sa regalare, e il Notts County uscì dalla sfida vincitore. Durerà tre stagioni e un quarto di finale di FA Cup l’avventura in First del County, che retrocedette nuovamente in Second (e Sirrell si ritirò) e poi in Third (Sirrel tornerà brevemente per evitare l’inevitabile). I fantasmi del passato erano dietro l’angolo, eppure ci fu nuovamente una svolta – in positivo.

Meadow Lane, anni ’60

Neil Warnock da Sheffield aveva appena condotto lo Scarborough in Football League quando la dirigenza del County decise che sì, era lui l’uomo giusto su cui puntare. Era il 1988. Warnock portò subito i Magpies in Second Division (vittoria ai playoff contro il Tranmere Rovers in quella che fu la prima visita a Wembley del club) e poi addirittura in First Division, sempre via playoff, questa volta sconfiggendo il Brighton; nel mezzo, un quarto di finale di FA Cup contro il Tottenham Hotspur. La vita in Division One fu brevissima, con la retrocessione inevitabile che arrivò immediatamente, anche a causa di alcune cessioni illustri atte a finanziare il rifacimento di Meadow Lane (oggi, un gioiello). Curiosità simpatica: il Notts Count retrocedette dalla Divisione One alla…Divisione One; ebbene sì, perchè con la creazione della Premier League la vecchia Football League Division One divenne la seconda serie. Il club sprofondò nuovamente (con un solo acuto sotto la guida di Sam Allardyce) negli anni fino alla Division Four, diventata oggi League Two, da cui due stagioni fa però ne è uscito sotto la guida di Steve Cotterril (e dopo la discutibile esperienza degli investimenti mediorientali, che videro tra l’altro l’approdo di Sven Goran Eriksson in qualità di direttore sportivo).

Oggi il club milita dunque il League One, la terza serie della piramide del calcio inglese. Chiudiamo con qualche curiosità. Il logo attuale fece la sua comparsa nella stagione 1986/87; precedentemente veniva usata una gazza stilizzata in volo, e prima ancora il simbolo della città di Nottingham. Prima ancora (metà anni ’40) sulle maglie comparve uno scudo con dentro le iniziali “N.C.F.C.”. Altra curiosità riguarda le maglie, che sebbene siano state dal 1890 prevalentemente a righe bianche e nere, per alcune stagioni (e specialmente nel decennio degli anni ’40) sono state bianche con colletto nero e pantaloncini neri (soluzione ripresa anche in alcune stagioni successive). L’inno del club è invece The Wheelbarrow Song, canzone sulla quale ci sono due ipotesi di origine (wheelbarrow è la cariola). La prima vede protagonista un giardiniere, con la sua cariola che perse una ruota in uno degli angoli di Meadow Lane, con la folla che, divertita, alzò il canto (il testo è “I had a wheelbarrow, the wheel fell off“); l’altra invece si svolge nel 1990 a Gay Meadow, stadio dello Shrewsbury: il County è sotto 0-2, i tifosi del Shropshire intonano il canto “On Top of Old Smoky” (sulla cui melodia è basata la nostra canzone). Solo che, a causa dell’accento delle West Midlands dei tifosi locali, ai tifosi del County sembrò di sentire “I had a wheelbarrow, the wheel fell off“, e cantarono appunto questi due versi in segno di scherno; solo che i Magpies pareggiarono 2-2, e la canzone prese pian piano piede fino a essere cantata da 25.000 tifosi festanti nella finale playoff di Division One del 1991. Per concludere, Meadow Lane è raggiungibile a piedi dalla stazione di Nottingham, con un percorso di non più di 10 minuti.

Tommy Lawton

Prossima tappa Nottingham Forest, attraversiamo il Trent.

Contatti: http://www.italianmagpies.com/

One thought on “Viaggio nella Nottingham del calcio: parte prima, Notts County

  1. Pingback: Footballshire: il calcio nelle contee inglesi. Ottava puntata | English Football Station

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...