Viaggio nella Sheffield del calcio: parte terza, Sheffield FC e Hallam FC

Salutiamo la città di Sheffield con due realtà di non-league estremamente interessanti e soprattutto importanti. Perchè? Per il “semplice” fatto che lo Sheffield Football Club è la squadra più antica del MONDO; mentre l’Hallam Football Club disputa le sue partite in quello che è riconosciuto come lo stadio più antico ancora in uso. Bastano come motivi?
Cominciamo con lo Sheffield FC

Sheffield Football Club
Anno di fondazione: 1857
Stadio: Coach and Horses Ground, Dronfield
Capacità: 2.000

Il club più antico del Mondo. Basterebbe questo per descrivere lo Sheffield FC. Le radici della squadra affondano nell’anno 1855, quando alcuni membri di un club di cricket di Sheffield iniziarono a dilettarsi con l’arte del football; due anni più tardi, il 24 Ottobre 1857, a Parkfield House venne tenuto un meeting nel quale i nostri fondarono ufficialmente lo Sheffield Football Club. Direte voi: e contro chi caspita giocavano, se loro erano il primo club? Domanda sensata. Le prime partite avvenivano fra membri del club, suddivisi in categorie, tra cui la mitica “scapoli vs ammogliati” (non vi prendiamo in giro, giuriamo che è così). Altra cosa da sottolineare è il fatto che, non esistendo un’associazione che riunisse i club (la Football Association), il club dovette darsi regole proprie su come giocare…insomma, le regole del calcio, che a quel tempo variavano a seconda delle zone e dei contesti. Vennero così scritte le “Sheffield Rules”, che nel 1867 verranno adottate dalla Sheffield Football Association e che influenzeranno anche il football australiano. Per fortuna nel 1860 venne fondato l’Hallam FC (di cui parleremo più avanti), per cui ora esistevano anche gli avversari (nel 1862 comunque già 15 club affollavano l’area di Sheffield), avversari contro cui, nel 1860, venne disputato il primo derby della storia del calcio: Sheffield derby, Sheffield FC vs Hallam FC, 26 Dicembre 1860. L’Italia non esisteva ancora, per rendere l’idea.

Tuttavia lo Sheffield FC prese una strada diversa da lì a poco: avrebbe giocato solo contro squadre non provenienti da Sheffield. Giocò contro Nottingham, Nottingham Forest e Lincoln City, adottando nel primo caso le Nottingham Rules, che prevedevano peraltro 18 giocatori per parte, il che ci fa pensare a come sarebbe il calcio se avesse adottato tali regole. Ma quelle che realmente contavano per il club erano le Sheffield Rules, di cui era gelosissimo e che gli costarono l’isolamento, visto che con la nascita della Football Association le regole vennero standardizzate, e che lo Sheffield si rifiutò di adottarle almeno fino al 1878, quando finalmente cedette (il club era membro della F.A. dal 1863, ma continuò a usare il proprio regolamento). I problemi seri cominciarono nel 1885, quando venne legalizzato il professionismo, con molti club che passarono a tale status creando un divario enorme con gli altri, come testimoniano le severe sconfitte che lo Sheffield FC subì contro Aston Villa, Forest e Notts County; il club suggerì così alla F.A. di creare una competizione dedicata esclusivamente ai club amatoriali: l’idea si trasformò in realtà con la creazione della FA Amateur Cup, che lo Sheffield FC vinse nel 1904.

Tifosi dello Sheffield FC

Nel 1949 il club entrò a far parte della Yorkshire League, mentre oggi disputa le partite della Northern League Division One South. Ha disputato una finale di FA Vase nel 1976/77, perdendola però al replay contro il Billericay Town, mentre in FA Cup, oltre a tre quarti di finale disputati negli anni ’70 del XIX secolo, il club vanta un primato, ovvero aver disputato l’unica partita della competizione decisa dalla monetina, nel 1873 contro lo Shropshire Wanderers. Più recentemente, qualcuno si ricorderà il match celebrativo del 150 anni del club, disputato nel 2007 a Bramall Lane contro l’Inter e alla presenza di Pelè, oltre che di 18.000 spettatori; la partita finì 5-2 per i milanesi, ma fu comunque l’occasione per far conoscere al Mondo la storia dello Sheffield FC. Durante la sua storia, lo Sheffield FC ha utlizzato una varietà di impianti di gioco. Strawberry Hall Lane Park è stato il primo ad ospitare il club, seguito da Newhall Athletic ground e da uno situato in Ecclesall Road. Fu poi la volta di Bramall Lane (1862), utlizzato per i match più importanti ma con i cui proprietari non vi fu mai un rapporto amichevole (come saprete dal post sullo Sheffield United, lo stadio era utilizzato per i cricket, e i proprietari non vedevano di buon occhio il football), rapporto che terminò nel 1875. Dopo Abbeydale Park e Hillsborough Park, Owlerton Stadium e Don Valley Stadium, nel 2001 il club acquistò il Coach and Horses pub e terreni adiacenti a Dronfield, terreni su cui venne edificato lo stadio, il primo di proprietà del club.

Contatti:
Sito Ufficiale: http://www.sheffieldfc.com/
Twitter: @sheffieldfc

Hallam Football Club
Anno di fondazione: 1860
Nickname: the Countrymen
Stadio: Sandygate Road, Crosspool, Sheffield
Capacità: 700 (210 a sedere)

Se lo Sheffield FC ha girato gli stadi di tutto il comprensorio di Sheffield, l’Hallam non ne ha avuto bisogno, e Sandygate Road è oggi riconosciuto (anche dal Guinnes dei primati) come il più antico stadio del mondo: se infatti l’Hallam venne fondato nel 1860, Sandygate Road venne aperto nel 1804. Il mistero è facilmente risolto: come moltissime altre squadre, l’Hallam FC nasce dall’Hallam cricket club, che disputava dal 1804 le sue partite a Sandygate Road, appunto. La squadra di cricket era molto popolare, tanto da avere circa 300 membri, alcuni dei quali già giocavano a calcio nello Sheffield FC; fu proprio grazie a costoro che l’idea di fondare una squadra si diffuse tra gli iscritti al club, che fu appunto fondato nel 1860. Abbiamo già detto della sfida tra Hallam e Sheffield FC in quello che a tutti gli effetti è stato il primo derby della storia; nulla invece abbiamo ancora detto della Youdan Cup, vinta dall’Hallam nel 1867 e che è ritenuta la più antica competizione per club della storia. Il trofeo è tuttora custodito dall’Hallam, sebbene sia sparito a un certo punto della storia e sia stato recuperato solo nel 1997, quando il club lo acquistò da un antiquario scozzese.

Sandygate Road, oggi

Come lo Sheffield FC, anche l’Hallam ha dovuto arrendersi al dilagare del professionismo, rimanendo un club amatoriale non potendo competere a un livello superiore. Nella sua storia, oltre a quattro Sheffield Senior Cup, il club ha messo in bacheca anche una NCEL Cup nel 2004. Qualche momento emozionante non è mancato però, come l’incontro del 1953 di FA Amateur Cup contro il Dulwich Hamlet, che richiamò sugli spalti 13.000 spettatori (!!!) tanto che dovette disputarsi a Hillsborough. Oggi il club disputa il campionato di NCEL (Northern Counties East) Division One, il decimo livello della piramide, e al momento è tristemente penultimo. Uriah Rennie, il famoso ex arbitro, nel 2010 è diventato presidente del club, mentre tra gli ex giocatori è d’obbligo citare Howard Wilkinson, famoso per aver portato da manager il primo titolo di Premiership in quel di Leeds e che proprio all’Hallam ha cominciato la sua carriera di calciatore.

Contatti
Sito ufficiale:
https://www.hallamfc.co.uk/
Twitter: @HallamFC1

3 thoughts on “Viaggio nella Sheffield del calcio: parte terza, Sheffield FC e Hallam FC

  1. Pingback: Non-league football: Nantwich Town | English Football Station

  2. Pingback: Footballshire: il calcio nelle contee inglesi. Terza puntata | English Football Station

  3. Pingback: Footballshire: il calcio nelle contee inglesi. Nona puntata | English Football Station

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...