Non-league football: Maidenhead United

Ci abbiamo preso gusto. La non-league è affascinante, c’è poco da fare; e forse lo è ancora di più in un periodo in cui, non essendoci competizioni calcistiche, veniamo bombardati da notizie di calciomercato, argomento del quale non ce ne frega nulla e che riguarda sempre le solite 4-5 squadre. No, non è roba per noi. Preferiamo passare il tempo parlando del Sutton United, del Dulwich Hamlet o, nel caso di oggi, del Maidenhead United. Maidenhead: ai più attenti non sarà sfuggito che la cittadina del Berkshire ha dato i natali al pluricitato Horby (“Maidenhead? Maidenhead? Ma è a quattro miglia da qui! (…) Dovresti fare il tifo per la tua squadra locale” gli sbraitò in faccia il tifoso del Reading, la squadra pro più vicina, quando seppe che il nostro, tifoso Arsenal, non proveniva dal nord di Londra). Ma oggi non parliamo nè di Reading, nè di Arsenal, ma appunto dei Magpies, il Maidenhead United, squadra – ci giochiamo subito l’asso nella manica – che disputa le sue partite a York Road, lo stadio più antico del Mondo ancora utlizzato (è la casa della squadra dal 1871), il tutto certificato da Football Association e F.I.F.A.. Come per il Sutton United, ci avvaliamo della collaborazione di Marco, che per il suo blog ha visitato York Road e che ha scritto la storia dei Magpies per Rule Britannia. Lasciamo a lui la parola.

Maidenhead United Football Club
Anno di fondazione: 1870
Nickname: the Magpies
Stadio: York Road, Maidenhead, Berskshire
Capacità: 3.000

GLI INIZI

Dobbiamo tornare parecchio indietro: Ottobre 1870, viene fondato ufficialmente il Maidenhead Football Club. Solo nel Dicembre 1870, però, viene disputata la prima partita, contro il Windsor Home Park, in un campo nei pressi del Tamigi. L’anno successivo, il 16 Febbraio 1871, segnò una data storica per i Magpies: venne infatto aperto lo York Road, l’avversario e’ il Marlow; per un periodo il campo fu condiviso con la squadra locale di Cricket. Altro evento di riguardo, il Maidenhead fu tra le 15 squadre storiche che presero parte alla prima FA Cup, disputata nel 1871/72; nella stagione successiva, arrivò addirittura fino alla semi-finale, persa però contro Oxford University. Per altre due stagioni si fermò solo ai Quarti di Finale, mentre non prese parte all’edizione della coppa 1876/77. Il Maidenhead partecipò anche alla prima edizione della Berks & Bucks Cup (1878) [Berkshire & Buckinghamshire] ed a quella della FA Amateur Cup (1893)

Stazione di Maidenhead (foto Londra Calcistica)

I PRIMI ANNI

Nel 1894 il Maidenhead fu tra i fondatori della Southern League, dove però c’erano squadre troppo forti per i Magpies, club del calibro di Watford, Brentford, Fulham, e il club optò dunque per entrare nella West Berkshire League, che venne subito vinta; ma nella Berks & Bucks League arrivò in fondo alla classifica. Nel 1904 il Maidenhead United entrò nella Great Western Suburban League, mentre nel frattempo il Maidenhead Norfolkians, che era stato fondato nel 1894, membro della South Bucks & East Berks League, prima di entrare nella West Berks League e Berks & Bucks League, si fuse con i Magpies. I Norfolkians giocavano le loro gare interne al Kidwells Park, dove ora c’è un parco pubblico, e hanno anche disputato una finale della Berks & Bucks Cup.

SPARTANS & CORINTHIANS

Dopo la Grande Guerra, i due club amalgamati decisero di chiamarsi Maidenhead Town ed usare le maglie a righe bianconere. Conseguirono subito un successo, vincendo la Great Western League. Nel 1920 si decise però di eliminare il Town e di usare il suffisso United, e dopo due anni il club entrò a far parte della Spartans League. In 19 campionati disputati nella Spartans League, i Magpies vinsero per tre volte il titolo. Nel 1936 il Maidenhead arrivò alla semifinale della FA Amateur Cup, disputata ad Upton Park, davanti a 18,000 spettatori, dove però vennero sconfitti dall’Ilford. Sempre nella stessa stagione, nei quarti di finale della manifestazione, partita giocata allo York Road contro il Southall, si registrò il record di presenze: 7,989 spettatori. Nel 1929/30 intanto era stato stabilito il record di reti segnate in una stagione da un giocatore del Maidenhead: 65 reti in 39 presenze, e l’artefice fu Jack Palethorpe, il quale successivamente giocò anche nello Sheffield Wednesday, e per gli Owls nel 1935 segnò la rete vittoria nella finale di FA Cup. Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, il club entrò nella Corinthians League: in sei stagioni tra il 1956 e 1962, il club vinse il titolo per tre volte, arrivando due volte invece secondo. Nella FA Amateur Cup, dopo la semifinale degli anni ’30, i Magpies arrivarono ai quarti di finale, e, allo York Road, furono sconfitti dal West Auckland Town, davanti a ben 5,597 spettatori (record nel dopo Guerra). Mentre sono tre le presenze al Primo Turno di FA Cup.

Esterno di York Road

ATHENIANS & ISTHMIANS

Nel 1963 lo United si unisce all’Athenian, ma non riesce a ripercorrere i successi avuti nella Corinthian. Questo fino al 1973, quando entò nella nuova Isthmian, in Second Division. Nel 1979 e 1980 sotto la guida di Geoff Anthony il club fece il doppio salto nella Division One; nel 1985, in panchina la coppia Brian Caterer e Colin Lippiatt, vengono promossi in Premier Division, dove rimangono fino al 1987, quando vengono, per la prima volta nella loro storia, retrocessi. Sono giorni neri, causa incendio una tribuna del York Road viene distrutta e la squadra naviga in cattive acque finanziarie. Ci vollero quattro stagioni per uscire dalla Division Two, sotto la guida di Martyn Spong, nel 1991. La stagione successiva iniziò alla grande, con ben 13 vittorie consecutive, ma il titolo fu perso all’ultima giornata ai danni dell’Abingdon Town. Spong lasciò così i Magpies, per sedersi sulla panchina dell’Enfield. Dopo di lui, sono diverse le figure che si sono sedute sulla panchina del Maidenhead United, Gary Goodwin, John Clements e John Watt, tutti con risultati mediocri, con il club che finiva regolarmente a metà classifica. Il club aveva bisogno di un rilancio, di qualcosa che facesse rivivere il sogno Premier Division.

foto Londra Calcistica

GLI ANNI DI DEVONSHIRE

Nell’estate 1996, nel tentativo di rompere questa mediocrità, vengono ingaggiati come manager Martyn Busby e l’ex giocatore del QPR, Notts County, West Ham e della nazionale inglese Alan Devonshire. Busby a metà stagione lasciò il club; Devonshire invece portò il Maidenhead a vincere un trofeo, cosa che non capitava dagli anni ’70, vincendo la Isthmian League Full Members Cup. La stagione 1997/98 si rivelò una stagione piena di successi; era dai tempi della Corinthians che il club non provava certe emozioni. Vinsero tre coppe di contea, e nella Berks & Bucks Senior fu battuto 2-1 il Reading (partita giocata ad High Wycombe), raggiunsero inoltre la semifinale della Full Members Cup, e conquistarono anche la Isthmian Fair Play Award. In campionato invece finirono quarti con ben 81 punti, e ad un solo punto dal Hampton. Nella stagione successiva, altri trofei vennero messi in bacheca, tra cui nuovamente la Berks & Bucks Senior Cup, in finale fu battuto il Wycombe Wanderers (4-1).

Il nuovo secolo iniziò nel migliore dei modi per lo United, e nelle prime undici partite, perse solo una partita, proprio all’esordio. Verso fine marzo si stava ancora lottando per la promozione, con solo cinque sconfitte al passivo, e a fine stagione arrivò anche la finale dell’Isthmian League Cup. Il 4 Maggio, con la vittoria 1-0 sul campo del Croydon, il club si guadagnò la promozione in Premier Division, perdendo però pochi giorni dopo la finale di League Cup, a Basingstoke 1-0 contro il Farnborough Town. La vita in Premier Division era dura per una neo-promossa, mentre fantastica fu la cavalcata in FA Trophy, conclusa con l’eliminazione da parte dei Blyth Spartans. In campionato i Magpies, seppur soffrendo riuscirono comunque a salvarsi. Nel Maggio 2001 fu ampliata la capienza del York Road di 700 posti, portandolo ad un totale di 4,500 con 1,700 posti a sedere. Tuttavia lo York Road è sempre stato un posto appetibile per le agenzie immobiliari, situato in centro a pochi passi dalla stazione, 30 miglia da Londra, ma – per fortuna – i Magpies non sono mai riusciti a trovare un altro posto, dove poter costruire la loro nuova casa. Intanto Devonshire riuscì a mantenere il Maidenhead in Premier Division e vincere diverse coppe di contea.

York Road (foto Londra Calcistica)

NUOVA ERA

Ad inizio stagione 2002/03, il presidente Roger Combe annunciò che avrebbe lasciato il club a fine stagione; ad Aprile 2003 fu invece tempo di Alan Devonshire di annunciare che anche lui a fine stagione avrebbe lasciato la panchina di York Road. Durante l’estate 2003 ci fu così diverso movimento dalle parti di York Road, con l’arrivo in panchina del Manager John Dreyer e dell’ Assistant Manager Phil Gray. La stagione 2003/04 non iniziò nei migliore dei modi, e dopo sette partite, i Magpies si trovarono all’ultimo posto senza una vittoria; ma ci fu un cambiamento repentino e grazie alle sette vittorie in nove partite, il Maidenhead si piazzò in una posizione tale da consetirgli la promozione nella nuova Conference South, il livello più alto mai raggiunto dal Maidenhead dai tempi della Southern League. Gli uomini di Dreyer fecero anche un bel cammino in FA Trophy, arrivando fino ai quarti di finale, cammino nel quale eliminarono, tra le altre, in trasferta l’Halifax Town. Nella stagione 2004/05 il club prese così parte alla Conference South, ma a Novembre era in piena zona retrocessione. Per dare una scossa, venne esonerato Dreyer. A Dicembre, venne chiamato dal Windsor la coppia Dennis Greene e Colin Ferguson, ma nonostante qualche miglioramento, lo United continuava a rimanere impantanato in zona retrocessione. All’ultima giornata, il Maidenhead United venne sconfitto dal Newport County, e nello stesso tempo il Carshalton Athletic vinse e raggiunse la salvezza proprio ai danni dei Magpies. Dopo quindici giorni arrivò però una notizia lieta, l’Hornchurch dichiarò fallimento, e il Maidenhead fu ripescato in Conference South.

Anche la stagione 2005/06 iniziò in modo disastroso, e Green fu esonerato dopo sette partite; al suo posto venne chiamato Carl Taylor, assistente di Alan Devonshire. Ma la musica non cambiò, i Magpies, retrocessero e dopo un secolo ritornarono a disputare la Southern League. Un altro problema, non indifferente, era la montagna di debiti che aveva accumulato il club, ma la crisi fu risolta grazie all’arrivo di un grosso sponsor, Pharmalink, diretta da Una Loughrey. La sorprendente sconfitta per 5-0 contro il Clevedon ed un inizio mediocre portarono all’esonero di Taylor. Al suo posto venne chiamato Johnson Hippolyte, conosciuto come “Drax”: il cambio fu azzeccato, e dopo ben 35 anni, i Magpies arrivarono al Primo Turno di FA Cup; anche in campionato le cose andavano bene, 12 vittorie in 14 partite portarono il Maidenhead al quarto posto in piena zona play-off. In semi finale venne superato senza problemi il King’s Lynn; a questo punto solo il Bath separava il Maidenhead dalla Conference South, fu una vera battaglia, ma i Magpies la superarono 1-0, ritornando cosi in Conference South dopo solo un anno di purgatorio. I Magpies erano di nuovo in Conference South (dove conquistarono la salvezza), e per il secondo anno consecutivo venne raggiunto il Primo Turno di FA Cup. Per l’inizio della stagione 2008/09, Hippolyte rafforzò notevolmente la squadra, facendola diventare una delle candidate per la promozione. Lunedi 1 Settembre, per la prima volta nella sua storia, il Maidenhead United era primo in classifica, ed e’ rimasto in corsa promozione fino all’autunno. Tuttavia il taglio delle spese, imposto dalla societa’, fece il suo effetto, il gioco ne risentì, a Febbraio la squadra andò in crisi di risultati, chiudendo la stagione fuori dai play-off, ma sicuramente la posizione piu’ alta dal 1919. Le ultime stagioni, il Maidenhead si e’ sempre salvato per il rotto della cuffia, e nella stagione che sta per cominciare disputerà nuovamente il campionato di Conference South.

[un grazie a Marco Parmigiani]

Trofei

  • Corinthian League: 1957-58, 1960-61, 1961-62
  • West Berkshire League: 1902-03
  • Spartan League: 1926-27, 1931-32, 1933-34
  • Isthmian League Full Members Cup: 1996-97
  • Berks & Bucks Senior Cup: 1894-95, 1895-96, 1911-12, 1927-28, 1929-30, 1930-31, 1931-32, 1938-39, 1945-46, 1955-56, 1956-57, 1960-61, 1962-63, 1965-66, 1969-70, 1997-98, 1998-99, 2001-02, 2002-03, 2009-10.

Contatti: Twitter @MaidenheadUtd

One thought on “Non-league football: Maidenhead United

  1. Pingback: Footballshire: il calcio nelle contee inglesi. Prima puntata | English Football Station

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...