Non-league football: Dulwich Hamlet

Dulwich Hamlet Football Club
Anno di fondazione: 1893
Nickname: the Hamlet
Stadio: Champion Hill, East Dulwich, London
Capacità: 3.000

Il post sul Bedford Town e sul Bedford F.C. ci ha fatto venire una gran voglia di calcio non-league, che in fin dei conti, rischiando di incorrere nel banale, è il calcio più “puro” perchè privato degli interessi commerciali e finanziari che stanno dietro al calcio “pro”; a ciò si sono aggiunte la storia di Jacopo Ghirardon e del suo Truro City e l’intervista a Marco, fondatore di Londra Calcistica. Parlare di squadre minori è anche una sorta di terapia di gruppo per purificarci dalle scorie che il calcio professionistico ci lascia ormai sempre più spesso, ahinoi, addosso, e per assaporare metaforicamente l’odore dell’erba di campi piccoli, di periferia, di vedere ancora un calcio fatto di gente che gioca davvero per la maglia che indossa e per un pubblico solitamente poco nutrito, ma vivace e caloroso. A riguardo c’è un capitolo di Fever Pitch di Nick Hornby che spiega magnificamente le sensazioni uniche che il calcio amatoriale sa dare, per cui non possiamo che rimandarvi al famosissimo libro visto che, a differenza di Hornby, non sappiamo rendere così bene le emozioni in forma scritta. Tornando a noi, oggi ci dedichiamo a una squadra del sud di Londra: il Dulwich Hamlet F.C.

La splendida tribuna (foto Londra Calcistica)

Per quanto riguarda lo stadio, vi rimandiamo al blog di Marco: Londra Calcistica (cliccando siete già ridirezionati ai post riguardanti l’Hamlet) ha infatti ovviamente visitato Champion Hill, stadio del club. Occupiamoci della storia invece, che ha inizio nel 1893 quando Lorraine “Pa” Wilson (una targa fuori dallo stadio commemora il fondatore tuttoggi) venne investito dell’onore e l’onere di fondare una squadra da parte di alcuni incalliti calciatori, desiderosi evidentemente di dar sfogo in qualche modo alla loro passione: la cifra dell’investimento iniziale fu di uno scellino e otto pence. Il Dulwich Hamlet cominciò la sua vita in Camberwell League, arrivando alla Isthmian League nel 1907: da allora, la lega di appartenenza della squadra sarà sempre e solo questa (attualmente in Isthmian League South, quarto livello del National League system, ottavo della piramide). Il primo impianto utilizzato dalla squadra (Woodwarde Road) non aveva spogliatoi, obbligando i giocatori ad attraversare il quartiere prima e dopo le partite, solitamente portando con loro le porte e le bandierine dei corner: altri tempi!

Club crest e targa commemorativa di Edgar Kail (foto Londra Calcistica)

Il giocatore più importante ad aver indossato la maglia rosa-blu del Dulwich Hamlet è stato senza ombra di dubbio alcuna Edgar Kail. Un eroe dalle parti di Champion Hill, la cui via d’accesso è stata proprio intitolata a lui (usanza tipica anche nel calcio pro, basti pensare alla Bill Nicholson way, alla Matt Busby way etc.). Oltre ad aver segnato più di 400 goal per l’Hamlet e aver rifiutato più volte il passaggio al calcio pro per restare nel suo club, Kail è stato l’ultimo giocatore di non-league ad aver indossato la maglia dell’Inghilterra, per 3 volte durante il tour continentale del 1929, contro Spagna, Belgio e Francia, segnando anche due goal. Anche in questo caso una placca commemorativa del Southwark Council ne celebra le gesta. Giocatori più famigliari a chi segue il calcio inglese ad aver indossato la maglia rosa-blu sono Peter Crouch, Alan Pardew, Marlon King, Leon Cort, George Elokobi, con gli ultimi tre che hanno cominciato la loro carriera proprio al Dulwich. Non a caso la squadra ha grande tradizione per quanto riguarda i settori giovanili e sebbene non abbia prodotto campioni ha comunque sfornato una serie di giocatori professionistici, fatto che altrove sarebbe salutato con grande entusiasmo.

La genuina festa dei giocatori dell’Hamlet (foto Tales from the Pigeon Stands)

Nonostante la grande esplosione del fenomeno football avesse investito anche l’Hamlet e grandi numeri in quanto a spettatori siano stati raggiunti negli anni ’20, oggi il club può contare su un gruppo di qualche centinaio di fedelissimi, che non sono comunque pochi visto che si parla di Isthmian League e non di Conference o ancor di pù Football League. Il record di spettatori negli anni recenti risale al 1998/99, stagione nella quale la squadra arrivò al primo turno di FA Cup, perdendo contro il Southport davanti a 1.835 persone. In bacheca il Dulwich Hamlet ha quattro FA Amateur Cup (competizione che ha cessato di esistere nel 1974), cinque London Senior Cup (l’ultima risalente al 2003/04), sedici Surrey Senior Cup (un record, sebbene il club non la vinca dal 1974/75). Che dire, se vi trovate a Londra, un viaggio dalle parti di Champion Hill fatevelo; per Edgar Kail, per Lorraine Wilson, per la bellezza dell’impianto (la tribuna è fantastica), per le maglie rosa e blu, e perchè (questo vale per tutti i club non-league) forse troverete più soddisfazione così che andando altrove.

Trofei

  • FA Amateur Cup: 1919/20, 1931/32, 1933/34, 1936/37
  • Isthmian League: 1919/20, 1925/26, 1932/33, 1948/49
  • Isthmian League Division One: 1977–78
  • London Senior Cup: 1924/25, 1938/39, 1949/50, 1983/84, 2003/04
  • Surrey Senior Cup: 1904/05, 1905/06, 1908/09, 1909/10, 1919/20, 1922/23, 1924/25, 1927/28, 1933/34, 1936/37, 1946/47, 1949/50, 1957/58, 1958/59, 1973/74, 1974/75 (Record 16 times)

Contatti: sito ufficiale: http://www.dulwichhamletfc.co.uk/; Twitter @DulwichHamletFC; Hamlet Italy: http://hamletitaly.blogspot.co.uk/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...